Archivio | ottobre, 2013

Sosteniamo Gaetano Mura alla Jacques Vabre

31 Ott

Domenica 3 novembre da Le Havre parte la regata Transoceanica Jacques Vabre, una delle competizioni più importanti della vela mondiale. Sulla linea di partenza anche Gaetano Mura con Sam Manuard, progettista dei più veloci class40 e velista molto bravo, a bordo di Bet1128. Possiamo sostenere l’impresa di Gaetano con un gesto molto semplice: inserendo nel nostro profilo facebook la foto che postiamo e che apre questa pagina domenica 3 novembre (o anche prima e anche durante la regata, scegliete voi). Un piccolo gesto per incoraggiare e sostenere Gaetano. Grazie a tutti voi che ci seguite. Buon vento Gaetano, buon vento Sam, buon vento Bet1128Image

Annunci

Una settimana alla Jacques Vabre

27 Ott

Solo una settimana alla partenza, domenica 3 novembre, per la Transat Jacques Vabre. Ieri si è aperto il villaggio: tanta gente e grande spettacolo. Gaetano e Sam sono in forma. Vediamo qualche foto da Le Havre con bet1128 e i nostri skipper.ImageImageImageImageImageImage

Immagine

Con gli amici Zambelli e D’Alì

17 Ott

Con gli amici Zambelli e D'Alì

Gli skipper italiani, Michele Zambelli e Gaetano Mura sono accomunati da due cose, il talento e Bert Mauri.
Entrambi infatti affronteranno due tra le regate più importanti del panorama oceanico a bordo di barche costruite e progettate dal riminese Bert Mauri.

Michele Zambelli alla Mini Transat a bordo di Fontanot ITA 342 costruito nel cantiere riminese nel 2001 e Gaetano Mura parteciperà, in doppio con il progettista Sam Manuard, alla Transat Jacques Vabre a bordo di Bet 1128, il Class 40 ideato e realizzato dallo stesso cantiere.
Nella foto il loro incontro qualche giorno fa al villaggio Mini dove Mura ha salutato Michele e gli amici italiani alle prese con la preparazione della regata transoceanica in solitario, la Mini Transat 2013, dopo il prologo di domenica 6 ottobre.
Mura si trova a Lorient per terminare il periodo di allenamenti in vista della partenza della Transat Jacques Vabre (3 novembre prossimo) altra grande kermesse della vela che vede nomi come il “professore” Michel Desjoyeaux in coppia con il pupillo Gabart, Vincent Riou e Jean Le Cam e un altro equipaggio italiano con Pietro D’Ali (nella foto primo a destra) e Stefano Raspadori a bordo del Class 40 Fantastica che si cimenteranno nella traversata da Le Havre fino al Brasile.
L’Italia conferma la sua presenza nelle grandi regate oceaniche con nuove leve e grandi professionisti rendendo ancora più interessante la vela d’altura e facendo scoprire i suoi grandi valori marinareschi.
Il progetto Mini Transat di Michele è un progetto tutto italiano e legato all’Adriatico in ogni sua parte.

Immagine

Pronti per la Jacques Vabre

11 Ott

Pronti per la Jacques Vabre

la foto di gruppo a Parigi per la presentazione della Jacques Vabre. Partenza il 3 novembre da Le Havre

Video

Allenamento a Lorient di Gaetano

5 Ott

Giornate piene qui a Lorient in Bretagna. Fa già un bel freddo la sera e la mattina presto, quando incomincia la nostra giornata. Siamo ormeggiati nel porto della base sommergibilistica tra class 40, figarò, mini, imoca 60 e trimarani da corsa, proprio a fianco di bet c’è Prismian, il mini di Giancarlo Pedote pronto per la minitransat che partirá da Douarnenez il 13 ottobre .
La nostra giornata al centro di allenamento Lorient Grand Large prevede la sveglia alle 7, colazione, eventuali regolazioni o piccoli bricolage accordati il giorno prima con l’ allenatore Tangui Legatin. Alle 9 il briefing degli skipper per discutere il programma in mare della giornata e alle 9,15 si è pronti a muovere. Cinque class 40 in fila indiana, prua a largo,si fa per dire poiché spesso é slalom tra secche, boe e corrente. L allenatore dal gommone ci dispone allineati e via radio comunica posizioni da tenere, andature, cambi di vele e volta per volta ricentraggio della flotta. Riprende e fotografa di continuo tutte le barche singolarmente e in gruppo. Manovriamo ininterrottamente tutto il giorno passando in rassegna tutto il corredo di vele, verso le 16 rientro in porto qualche minuto per riassettare la barca e subito in aula per l’ analisi della giornata. Si rivedono video e foto, si discute e Tangui suggerisce modifiche e prove per la giornata successiva, dopo io e Sam andiamo a correre con Alessandro un ragazzo italiano temporaneamente imbarcato a bordo. E’ un maratoneta e approfittiamo della sua esperienza, ha 19 anni e lo abbiamo imbarcato per qualche tempo. E’ stato una rivelazione. Tra qualche giorno andrà a Southampton per frequentare la scuola di progettazione navale, ma sarà con noi alla partenza della Jaques Vabre per darci una mano. Gli allenamenti sono intervallati da giornate in aula col metereologo, un corso specifico per la Jaques Vabre. Alle 8 belli cotti andiamo alla base per la meritata birra e la cena.