Archivio | giugno, 2013

intervista con Sailing Sardinia, senza bavaglio

30 Giu
Annunci
Immagine

Les Sables – Horta – Les Sables. Si parte, il 4 luglio

30 Giu

Les Sables - Horta - Les Sables. Si parte, il 4 luglio

Pronti alla partenza. Il 4 luglio alle 19.02 alla Les Sables – Horta – Les Sables. Pubblichiamo un articolo di Barbara Vargiu sulla rivista Dinamica

Video

La stazza in video

22 Giu

“Alè fatta!…l’umo della stazza ha detto..Si!!….e siamo tutti pienamente soddisfatti…. peso perfetto e massimo raddrizzamento !!” ci ha detto Gaetano da La Rochelle. La “stazza” cosiddetta è un momento importante per tutti, per BET1128 per Gaetano, per il costruttore, per il progettista ma soprattutto per la performance. E’ la prova del nove: si conosce il peso reale della barca finita, la capacità di raddrizzamento e se è conforme o meno in tutte le sue parti alle regole di stazza, condizione necessaria per correre nella classe di appartenenza. Sopratutto è piuttosto faticoso svuotare e preparare la barca, poi richiede una certa organizzazione. E’ normale che se va a buon fine ci sia soddisfazione.

La Stazza

19 Giu

“Alè fatta!…l’umo della stazza ha detto..Si!!….e siamo tutti pienamente soddisfatti…. peso perfetto e massimo raddrizzamento !!” ci ha detto Gaetano da La Rochelle. La “stazza” cosiddetta è un momento importante per tutti, per BET1128 per Gaetano, per il costruttore, per il progettista ma soprattutto per la performance. E’ la prova del nove: si conosce il peso reale della barca finita, la capacità di raddrizzamento e se è conforme o meno in tutte le sue parti alle regole di stazza, condizione necessaria per correre nella classe di appartenenza. Sopratutto è piuttosto faticoso svuotare e preparare la barca, poi richiede una certa organizzazione. E’ normale che se va a buon fine ci sia soddisfazione.Immagine

Video

Delfini in Oceano

16 Giu

Felice incontro di Gaetano Mura e Bet1128 in navigazione verso La Rochelle

Immagine

Diario di bordo: Cagliari Portimao La Rochelle

16 Giu

Diario di bordo: Cagliari Portimao La Rochelle

Eccoci a La Rochelle nuovamente a pieno ritmo con la preparazione della barca, con qualche problema in più per spostamenti e uscite in mare che bisogna calcolare in funzione delle maree e delle aperture di chiuse e ponti. L’aria è familiare con tanti ricordi di avventure passate. É stato un bel viaggio, un viaggio lungo da Cagliari fin qui, stavolta il Mediterraneo è stato più benevolo in quanto a intensità , costanza e direzione del vento con una bella volata che ci ha spinto fino quasi a Gibilterra – ma solo quasi – non esageriamo. Poi 35 nodi di bolina a bordi, piuttosto pesante. Il passaggio dello stretto di notte col solito traffico incredibile di navi in entrata e in uscita sempre di bolina, ma per fortuna con molto meno vento, e il mare quasi calmo. Poi la saggia decisione di anticipare i lavori, fermandosi a Portimao in Portogallo per evitare una situazione meteo complicata. Una scelta che si è rilevata – aldilà del tempo effettivo guadagnato – grazie alla buona qualità dei lavori effettuati e del risparmio economico, una super esperienza. Una super accoglienza e tanta disponibilità da chi ci ha accolto – un po’ di tutti – in una struttura efficiente e veramente ben organizzata. Voglio approfittare di queste poche righe per ringraziare David – il direttore dei cantiere – e tutto lo staff. Un ringraziamento speciale va a Vasile, Jonni e tutta la squadra Slick Hull che hanno fatto i lavori sulla carena, degni del nome della ditta. Una grande passione che ha fatto sbocciare un forte feeling, fino a che slek hull è diventato un piccolo sponsor per la barca. Con Vasil e Jonni abbiamo stretto un’amicizia e un rapporto di lavoro destinati a continuare in futuro. Armando di Solucoes Informaticas ci ha risolto seri problemi di informatica. Immancabile nel marina la pizzeria ristorante Nonsoloitalia di un bergamasco che ci ha offerto il pranzo. La Comida è super ed economica un po’ dappertutto, in un ambiente accogliente…ma non bisogna abituarsi troppo al buon mangiare e a tutto il buon pesce; in particolare se si è diretti in Francia perchè il salto di qualità è drastico. La risalita dell’Atlantico è stata un po’ lenta: 7 giorni sino a la Rochelle, due dei quali sotto gli acquazzoni che bisognava pure ringraziare perchè portavano quel po’ di vento necessario tra le bonacce. Un piccolo centro depressionario posizionato su La Rochelle mi ha convinto ad aggirarlo da Nord senza ovviamente risparmiarsi l’ immancabile bolina all’arrivo, nel golfo di Biscaglia. Marco è stato come in altre occasioni un gran compagno di viaggio nonché un ottimo cuoco in tutte le condizioni di mare e di sbandamento, buona musica e sopratutto buonumore. Molto importante visto che ormai fa parte, a tutti gli effetti, dell’equipaggio di BET1128. grazie

Immagine

Cover di Italia Vela su Gaetano

16 Giu

Cover di Italia Vela su Gaetano

Copertina, con una foto della brava fotografa Aurore Martignoni, su Italia Vela